Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Agricoltura: piu’ biologico e agriturismi, ripresa per i consumi nel 2015, aumentano import ed export

Di' la tua

image_pdfimage_print

Il Crea ha presentato oggi l’Annuario dell’agricoltura italiana 2014 e anticipato i dati dell’ultimo anno

Il comparto agricolo cresce e si conferma un settore chiave per l’economia nazionale. Nel 2015 la produzione registra infatti un aumento significativo pari al 2,3%. L’incremento per le produzioni vegetali è del 4,8%, legato alla ripresa della produzione di vino (+12,0%) e olio (+47,5%) che complessivamente rappresentano il 14% della produzione agricola. Quello della produzione animale è dello 0,1%, trainato soprattutto dall’aumento delle produzioni di ovicaprini (+1,4%) e suini (+1,0%). Le attività secondarie e di supporto all’agricoltura, infine, si confermano in ulteriore crescita, rispettivamente con +1% e +0,6%.

Questi alcuni dati dell’anno che si è appena concluso, resi noti questa mattina a Roma dal CREA insieme alla presentazione dell’Annuario dell’agricoltura italiana 2014.

Nel complesso, dunque, il settore agricolo ha risposto alle difficoltà che avevano caratterizzato il 2014, anno in cui agricoltura, silvicoltura e pesca (ASP) avevano registrato una diminuzione del valore aggiunto a prezzi di base (-1,7% in termini reali), e conseguente diminuzione del peso sul totale dell’economia (2,2% sul totale). La produzione nel 2014 è stata poco al di sotto dei 56,8 miliardi di euro (-5% in valori correnti e -1,5% in termini reali) a causa soprattutto delle avverse condizioni climatiche e del calo dei prezzi dei prodotti venduti. In crescita, invece, il numero delle imprese iscritte presso le Camere di commercio (+0,5%), sebbene nel medio periodo esse abbiano subìto un’importante flessione (-10% fra il 2009 e il 2014).

Nel clima generale di difficoltà ha però tenuto l’industria alimentare, con un incremento della produzione (+0,7%), legato alla componente alimentare, seppur con la flessione (-1,5%) dell’industria delle bevande. Si sono registrate un aumento del valore aggiunto (+2,3% a valori correnti, ma -1% in termini reali) attestandosi su 24,7 miliardi di euro e 452 mila occupati (+0,6%).

Sempre nel 2014, il livello dei consumi generali ha manifestato una ripresa, favorita anche dall’assenza dell’inflazione, con la sostanziale stabilità della spesa per prodotti alimentari e bevande non alcoliche (circa 141 miliardi di euro a valori correnti). Da segnalare  i nuovi comportamenti di acquisto, all’interno dei quali i consumatori appaiono sempre più orientati verso scelte oculate, con una riduzione dei consumi di bevande, alcoliche e analcoliche, e una crescita di quelli di frutta e vegetali…

Vedi Comunicato Stampa CREA 

Per ulteriori informazioni visita la pagina dedicata all’Annuario edizione 2014(http://www.inea.it:8080/web/inea/annuario/edizione_2014)

Per scaricare i report tematici consultare il seguente link(http://www.crea.gov.it/annuario-dellagricoltura-italiana-2014/)

Vedi articolo

 

DI' LA TUA

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>