Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dalla CRUI un altro autorevole contributo per costruire un consenso sugli interventi normativi di cui l’Università ha veramente bisogno

Di' la tua

image_pdfimage_print

uni_les_g

Dopo l’intervento di Andrea Lenzi Presidente del CUN (Consiglio Universitario Nazionale) anche le dichiarazioni di Gaetano Manfredi neo nominato (23 settembre) Presidente della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) indicano concretamente i contenuti normativi che gli Atenei si attendono dai provvedimenti normativi che il mondo politico sta predisponendo e che si ripromette di illustrare in un evento previsto per il 2 e il 3 ottobre organizzato dal PD a cura della Senatrice Francesca Puglisi (anticipazioni su alcuni recentissimi articoli (Repubblica.it, il  Messaggero, Il Sole 24 ore che sembrano ben informati.

Quanto alla missione dell’Università, la visione del Presidente Manfredi è proiettata verso la società “Il compito che le nostre università devono svolgere nei prossimi anni, dopo i tempi bui della crisi globale, è ancora più complesso rispetto al passato. Non solo centri di formazione e ricerca, ma agenti sociali ed economici, motori dello sviluppo e della trasformazione dei territori e della società”.

Criteri guida merito e qualità : “Solo attraverso una rigorosa politica del merito e della qualità potremo contemporaneamente stimolare le eccellenze ed elevare il livello medio del nostro sistema”

Rivendicazione di un livello attuale di prestazioni adeguato: “D’altra parte, su questo fronte si dimentica spesso che l’università italiana è l’unico comparto della PA ad essersi già sottoposto alla valutazione dell’ANVUR, un’agenzia terza. … Gli atenei mantengono tassi di competitività che gli indicatori internazionali della ricerca e la qualità dei laureati dimostrano ampiamente”

La conferma di quali siano i problemi da affrontare prioritariamente: “Un cronico sottofinanziamento che mette ormai in discussione l’esistenza stessa del sistema nazionale delle università in cui crediamo. Il turn-over bloccato impedisce il ricambio generazionale dei docenti e spinge i giovani di talento a trovare spazio all’estero. Una politica asfittica del diritto allo studio riduce l’accesso alla formazione proprio nel momento in cui sarebbe cruciale investire sul capitale umano”. Conferma perché sono esattamente i punti sottolineati negli interventi precedenti.

La buona notizia è che si rifugge concordemente da tentazioni di maxi riforme di natura ideologica, che su analisi e richieste c’è ampio consenso da parte degli addetti ai lavori che da quel che si legge le bozze in circolazione sono compatibili con le richieste.

 Il decisore politico non ha scuse e si trova ora davanti alla prova dei fatti. Il Ministro Giannini ha dichiarato che “Il Governo, dopo aver rimesso la scuola al centro del dibattito, si impegna a fare altrettanto con l’Università”. I prossimi giorni sono decisivi se è confermato l’intendimento di un decreto legge entro ottobre).

 

 

DI' LA TUA

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>