Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Quest’Italia senza futuro che si affida alla magia”

Di' la tua

image_pdfimage_print

Troppa fiducia per la politica delle promesse: ritratto del Paese secondo lo sguardo di Piero Angela

«Per capire cosa è diventata l’Italia, basti pensare a questo: l’Autostrada del Sole è stata costruita in 8 anni, è cominciata nel 1956 ed è finita nel 1964. Ci sono viadotti, gallerie, ponti. Un grande lavoro. Oggi, quanto tempo ci vorrebbe? Per capirsi, la Metropolitana C, a Roma è in costruzione dal 2007. Ed è solo una metropolitana». Qui comincia la versione di Piero Angela, celebre giornalista e divulgatore scientifico. Il tema: raccontare come è cambiata e, soprattutto, come dovrebbe cambiare, l’Italia. È ampio, ma non si preoccupa. Attinge a dati che conosce a memoria, ricerche impiegate per le sue trasmissioni e aneddoti personali. Mette tutto in fila e poi, paziente, spiega. Lo aiuta lo stile, senza dubbio, e l’età. «Io ho visto la ricostruzione: quando la guerra è finita avevo 17 anni. Ero già un uomo». E rispetto a oggi, «quella era un’altra Italia. Il clima era costruttivo», dice. Ora «è un Paese che si è seduto», che «per qualsiasi cosa – qualsiasi – ha un atteggiamento distruttivo». In poche parole, in crisi.

È il ritratto di un Paese senza speranza.
Chiariamoci: l’Italia è piena di potenzialità, gente in gamba, aziende che lavorano benissimo. Il problema è che c’è molta intelligenza individuale ma manca intelligenza di sistema. Vuol dire che le competenze ci sono, ma non c’è la capacità di coordinarle. Non esiste più una struttura in grado di favorire lo sviluppo. E con esso, la crescita. Il Paese si è seduto ed è aumentato, a livello morale e materiale, il degrado. Del resto, le cose sono collegate. Facciamo un esempio: fra gli anni ’50 e gli anni ’60 è stata costruita l’Autostrada del Sole, con tanto di  ponti, gallerie e viadotti per 760 chilometri. È stato un grande lavoro. Ci hanno messo solo otto anni. Oggi si riuscirebbe a farlo in così poco tempo? Prendiamo il caso della Metropolitana C di Roma, che è in ballo da sette anni, e facciamo il confronto.

Quando è cominciato questo declino?
Non c’è un punto di inizio preciso. È un fenomeno che si è affermato pian piano. Si può dire, però, che va in parallelo con la crescita del debito pubblico. Più è cresciuto quello, e più è aumentato il degrado del Paese. Il debito pubblico equivale a 2.148 miliardi. Una volta in trasmissione ho calcolato che se fossero banconote da 100 euro, messe una in fila all’altra, si farebbe cinque volte (cinque!) la distanza tra la Terra e la Luna…

Vedi articolo

roma

 

DI' LA TUA

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>